kids art expo pascoli

KidsArtExpo2017

Dal 19/05/2017 al
Orario:

Bilingual School Projects 2016 - 2017

Dalla rassegna stampa.

Alla Pascoli una sorprendente multidisciplinarità coinvolge gli alunni

Un progetto che ha messo insieme arte, inglese, matematica, disegno e laboratori

di Augusto Mattioli

SIENA. L’arte contemporanea e i bambini: un binomio che sembra difficile da attuare. Invece è nato e si è sviluppato alla scuola elementare Pascoli a Siena, grazie alla spinta di Germana Marchese che lavora al Siena art institute, persona di  esperienza internazionale con contatti diretti con artisti italiani e stranieri  che direttamente o indirettamente (tramite internet) hanno collaborato ad un lavoro didattico innovativo. Ma la scuola ha risposto con altrettanto impegno grazie alle maestre, con in testa Daniela Pellacchi, che – nonostante sia prossima alla pensione – ha capito e abbracciato il progetto che ha coinvolto gli alunni delle quinte sezione A, B, e C.

Arte contemporanea? Non solo, a quanto è emerso dal colloqui con Marchese, Pellacchi e il direttore  Federico Frati, perchè attraverso l’arte contemporanea si è arrivati all’insegnamento dell’inglese, all’arte classica, alla stessa matematica, al disegno, alla realizzazione di lavori ispirati alle opere degli artisti.

“La nostra impressione è che alla Pascoli sia stato fatto un lavoro di contaminazione tra i vari settori presi in considerazione. Dall’arte contemporanea ad esempio siamo arrivati al quella classica – spiega Marchese. Ma non è  stata un’esperienza didattica calata dall’alto con gli alunni meri ricevitori di informazioni. Lo abbiamo capito quando  abbiamo parlato con bambini e bambine  che hanno manifestato tutto il loro interesse per la didattica, davvero innovativa di cui sono stati i protagonisti”.

Loro hanno riprodotto, reinterpretandole anche le opere degli artisti (molto successo ha avuto l’approccio con l’arte per gli esperti molto discussa dell’inglese Damien Hirst) con i quali sono venuti a contatto: a qualcuno hanno inviato anche delle mail per loro lavoro di ricerca. Insomma sono stati veicoli di informazione per gli stessi genitori più digiuni di loro sull’arte contemporanea e come ha sottolineato Frati “ si sono divertiti”. Il che non è poco quando si parla di una  scuola che oggi, in generale, fatica a trovare strade nuove  ad una didattica diversa e meno a compartimenti stagni.

Salvo poi trovarsi di fronte a qualcosa che sorprende. Come abbiamo potuto capire anche quando abbiamo visto gli spazi della scuola  trasformati in un vero e proprio museo, davvero vitale. Un lavoro stimolante anche per gli insegnanti che sottolineano: ”Alla Pascoli abbiamo  toccato con mano la curiosità bambini, la loro disponibilità a sperimentare. Loro hanno dialogato con naturalezza semplificando le parole ma non i contenuti. Questa è una grande abilità che se non si esercita si perde con gli anni”.

Già, il punto è anche questo: come potranno continuare la loro esperienza questi giovanissimi quando l’anno prossimo cambieranno scuola?

Chi volesse altre informazioni può trovarle sul sito www.oda32.it


Copyright © www.oda32.it. Diritti riservati.