20171219_160531 (1)

OdA32SchoolProject 2017-2018

Dal 20/10/2017 al 15/03/2018
Orario:

Nuovi Approcci Multidisciplinari in lingua straniera alla Cecco Angiolieri di Siena

BILINGUAL ART LABS Arte, Scienze Naturali e Lingua straniera

http://ceccoangiolieri3.gov.it/nuovi-approcci-multidiscipl…/

Il percorso didattico ideato dall’Associazione Culturale OdA32, si è svolto in collaborazione con i docenti dell’ Istituto Scolastico, è stato integrato nella programmazione curricolare con l’obiettivo di coniugare lingua straniera e contenuti didattici attraverso la mediazione dell’arte contemporanea. Il progetto ha coinvolto la Prof.ssa Ester Frittoli, docente di lingua Inglese, la Prof.ssa Lozzi e la Prof..ssa Santori, docenti di matematica e scienze, la Prof.ssa Fogliaro, docente di arte e la Prof.ssa Nesta, docente di tecnologia. L’ innovativo esperimento di “creative learning“, rivolto agli studenti di due classi prime della scuola secondaria di primo grado, ha messo in relazione con successo tutti gli attori scolastici, il mondo dell’arte contemporanea, i musei e gli artisti. Promuovendo l’interazione laboratoriale e la flessibilità didattica, anche attraverso l’ausilio di strategie multimediali, la funzione del corso è andata ben oltre un tradizionale approccio di Content and Language Integrated Learning (metodo CLIL)

Gli aspetti più innovativi della metodologia di apprendimento integrato di contenuti in lingua straniera sono stati il coordinamento multidisciplinare e la pratica artistica. Strutturato in una prima parte dedicata ad una propedeutica introduzione ai linguaggi ed alle tecniche dell’arte contemporanea, il corso ha seguito approfondimenti tematici con particolare riferimento ad autori ed opere d’arte che si pongono in relazione allo spazio ed alla materia. Nella progettazione didattica, curata da Germana Marchese, sono state selezionate opere di alcuni scultori di fama internazionale che hanno scelto la ceramica come materiale espressivo. Le opere di Kathy Butterly, artista newyorkese in residenza autunnale presso Siena Art Institute, hanno aperto il percorso didattico, favorendo un dialogo allargato su contenuti e tecniche artistiche che, attraverso la produzione ceramica dell’architetto e pittore cileno Roberto Sebastian Matta, è approdato a Francesco Carone, artista senese di riferimento. I ragazzi hanno lavorato in uno spazio di riflessione creativa internazionale, volutamente dilatata nello spazio, che ha offerto scorci culturali diversi dai quali osservare e praticare la lingua inglese. Gli studenti coinvolti sono stati incoraggiati a scoprire in modo concreto le opere d’arte realizzate in ceramica, le attività didattiche cooperative hanno compreso task based activities in lingua straniera per approfondire leggi fisiche e naturali, con riferimenti alla tecnologia ed all’uso artistico dei materiali. I ragazzi hanno sperimentato sul campo, attraverso la manipolazione della creta e la creazione di una propria opera d’arte, concetti scientifici e processi di pensiero artistico in inglese, con forme adeguate alla loro capacità ed al contesto, escogitando volta per volta metodi linguistici propri, per verificare supposizioni o per esprimere le proprie emozioni.

I RAGAZZI E L'ARTISTA. Un momento rilevante del percorso di laboratorio si è svolto attraverso il dialogo diretto con l’artista contemporaneo Francesco Carone. I ragazzi erano stati preparati all’incontro attraverso lo studio della mitologia. “Scilla e Cariddi” è il titolo di una delle opere in ceramica dell’artista che sono state selezionate per approfondire le relazioni tra ceramica classica e contemporanea. L’esperienza di approfondimento e di scambio tra ragazzi ed artista ha traghettato le riflessioni dalla scienza e dalla tecnica al rapporto dell’artista contemporaneo con la tradizione ed il passato. Francesco Carone ha portato in aula una sua opera d’arte in ceramica, offrendo interessanti spunti di riflessione e coinvolgendo materialmente i ragazzi. Un’ esperienza simile, estesa nello spazio e nel tempo, ha guidato gli studenti in una dimensione transdisciplinare nella quale si sono allenati a rielaborare il concetto di mutevolezza sociale e culturale con un atteggiamento propositivo, fluido, neutrale e privo di sovrastrutture. L’approccio si è dimostrato estremamente funzionale all’apprendimento della lingua straniera poiché ha liberato la creatività, diminuendo la resistenza al cambiamento, la paura del giudizio e del fallimento e favorendo un pensiero fluido e più flessibile.

I RAGAZZI ED IL TERRITORIO. IL MUSEO D'INVERNO E LA CONTRADA DELLA LUPA. Francesco Carone, oltre ad essere uno degli artisti più interessanti nel panorama della giovane arte italiana, dirige insieme ad Eugenia Vanni il Museo d'Inverno nella Contrada Della Lupa​ che è tappa conclusiva del percorso multidisciplinare. La mostra delle opere dell'artista Luigi Antonio Presicce ha offerto ai ragazzi il pretesto per giocare, inventare e riscoprire l'arte contemporanea.

www.museodinverno.com www.contradadellalupa.it

Copyright © www.oda32.it. Diritti riservati.